20 Febbraio 2013

Recuperati i dati da supporti di oltre 1 PB di capacità complessiva

Un’analisi dello scenario data recovery 2012 effettuata da Kroll Ontrack

Milano, 20 febbraio 2013 – Kroll Ontrack, leader nell’offerta di soluzioni e servizi di recupero dati, cancellazione sicura e computer forensics, anche quest’anno raccoglie e analizza i dati provenienti dai clienti italiani che si sono rivolti all’azienda per recuperare i propri dati. Le informazioni analizzate riguardano l’ultimo anno, ossia da gennaio 2012 a dicembre 2012 e si riferiscono all’evoluzione della capacità media dei supporti di storage, alla tipologia degli stessi e alla dimensione complessiva dei dispositivi ricevuti, quest’ultimo valore calcolato sugli ultimi 15 mesi.

Complessivamente, in poco più di un anno sono stati processati supporti dati per una capacità superiore a 1PB. La capacità media dei supporti di memorizzazione infatti è notevolmente aumentata nell’ultimo anno: nel 2011 infatti il 60% dei supporti gestiti da Kroll-Ontrack nella sua camera bianca italiana aveva una capacità fino a 250GB, nel 2012 questa percentuale è scesa al 42%; nel 2012 invece la percentuale dei media con capacità tra i 250 e i 500GB è salita al 38.6% rispetto al 27% dell’anno precedente, così come la percentuale dei supporti con capacità tra 500GB e 1TB che nel 2012 è salita al 14.4% rispetto al 10% del 2011. Anche i dispositivi con memoria di oltre 1TB sono cresciuti dal 3 al 5%.

“Da alcuni anni stiamo assistendo a un aumento della memoria nei dispositivi di storage, un incremento abbastanza prevedibile se si pensa che la quantità di informazioni digitali continua a crescere e c’è la necessità di memorizzarle in adeguati supporti che possano contenerne sempre di più. La tendenza all’aumento della capacità dei media si riscontra tanto in ambito business che consumer, soprattutto là dove c’è la particolare necessità di memorizzare grandi basi di dati o contenuti multimediali come video e librerie musicali o immagini, dati particolarmente avidi di spazio.” afferma Paolo Salin, Country Director di Kroll Ontrack in Italia.

La tecnologia più utilizzata per la memorizzazione digitale è sempre l’hard disk: durante il 2012 il 91.5% dei dispositivi affidati a Kroll Ontrack sono stati infatti hard disk. Il restante 8.5% può essere suddiviso tra supporti basati su tecnologia flash memory (SSD, smartphone, tablet, chiavette USB, memory card), ottici e nastri. In particolare, il recupero delle informazioni da SSD è cresciuto ancora nell’ultimo anno del 10%.

“L’hard disk si riconferma il dispositivo più utilizzato proprio perché l’utente preferisce avvalersi di supporti capienti a costi oggi decisamente convenienti. Una caratteristica che al momento solo il tradizionale disco fisso è in grado di offrire senza considerare che l’hard disk è anche una tecnologia ben consolidata. Tutto ciò fa si che i computer desktop, laptop e server vengano nella stragrande maggioranza dei casi offerti con hard disk drive e che l’hdd sia il media più impiegato nei drive esterni, nei sistemi RAID, nei NAS, tanto per fare alcuni esempi” aggiunge Paolo Salin.

Nel 2012 i clienti che si sono rivolti a Kroll Ontrack chiedendo supporto per il recupero dei loro dati sono aumentati del 23.9% rispetto al 2011. “L’incremento a cui abbiamo assistito lo scorso anno può essere ricondotto a diversi fattori tra i quali il ritardo in nuovi investimenti IT da parte delle aziende, con un conseguente invecchiamento dell’hardware, e il peso crescente dell’uso dei dispositivi mobile cosa che chiaramente espone i dati ad un maggior rischio di perdita”, commenta Salin.

In termini percentuali il recupero dati da ambienti virtualizzati si mantiene stabile, si registra però un aumento del numero di richieste da questo tipo di ambienti a causa di una base più ampia della domanda di servizi di recupero dati. La maggior parte dei problemi negli ambienti virtuali non è legata a guasti hardware (35%) ma a errore umano (65%), come ad esempio le cancellazioni accidentali di componenti dell’ambiente virtualizzato (es. drive virtuali VMDK).

“Se un supporto dati è danneggiato vi sono buone possibilità di ripristinare i dati” conclude Salin. “Sfortunatamente, tali possibilità si riducono notevolmente se il dispositivo è già stato maneggiato da improvvisate società di data recovery. E’ molto importante, quindi, evitare qualsiasi tipo di manomissione o di apertura del media. Nella nostra lunga esperienza, ci è capitato più volte di operare su dispositivi che avevano già subito tentativi di ripristino da presunti esperti e i nostri tecnici spesso si sono trovati di fronte a situazioni disastrose: hard disk privi di componenti o rimontati in modo errato, addirittura dispositivi con briciole o altre impurità all’interno. Se si incorre in una perdita dei dati è fondamentale optare per un fornitore di comprovata esperienza, noto sul mercato, le cui competenze siano riconosciute dai principali OEM e hardware vendor. In più le aziende dovrebbero verificare che il fornitore possieda conoscenza di ambienti di storage complessi come sistemi di virtualizzazione, Cloud, database e dati crittografati.”

Per maggiori informazioni su tutte le soluzioni Kroll Ontrack, visitare il sito www.krollontrack.it

***

Kroll Ontrack Srl
Kroll Ontrack è leader nell’offerta di soluzioni e servizi di recupero dati, cancellazione sicura dei dati e computer forensics. Attraverso l’utilizzo di moderne tecnologie, innovativi software e numerosi tool proprietari, Kroll Ontrack è in grado di affrontare casi di recupero dati da qualunque tipo di supporto, come hard disk, sistemi RAID, memory card, USB key e molti altri dispositivi. Kroll Ontrack è presente in Italia dal 2002, la sede si trova a Gallarate (VA) dove è ubicata anche la camera bianca, l’unica  professionale in Italia per il recupero dei dati. Country Director  è Paolo Salin.
A livello internazionale Kroll Ontrack, con sede a Eden Prairie (Minnesota), opera in oltre 20 Paesi del mondo attraverso più di 30 uffici. Kroll Ontrack ogni anno effettua oltre 50.000 operazioni di recupero dati, offrendo ai clienti servizi di elevata qualità in 13 differenti lingue. Le principali soluzioni software sviluppate dalla società sono: Ontrack® EasyRecovery™ (per il recupero dati), Ontrack® PowerControls™ (nelle versioni per il mailbox management in Microsoft® Exchange Server e per il  document recovery in Microsoft® SharePoint® Server), Ontrack® Eraser (per la cancellazione sicura dei dati). La tecnologia brevettata Ontrack Data Recovery Remote Services, inoltre, permette il recupero dei dati in remoto. Per ulteriori informazioni: www.krollontrack.it; www.ontrackdatarecovery.it 

Kroll Ontrack Inc.
Kroll Ontrack offre soluzioni software e servizi all’avanguardia per assistere studi legali, organizzazioni pubbliche, aziende private e utenti finali nelle attività di recupero, ricerca, analisi e presentazione dei dati. Oltre ad una gamma completa di software, Kroll Ontrack offre servizi di data recovery, cancellazione sicura dei dati, electronic discovery, document review e consulenza ESI (Electronically Stored Information). Kroll Ontrack è una società controllata da Altegrity, fornitore leader di soluzioni per la protezione dei dati. Per maggiori informazioni a livello internazionale su Kroll Ontrack e la sua offerta, visitare www.krollontrack.com