28 Ottobre 2010

Un'indagine Kroll Ontrack rivela che la maggior parte delle aziende stanno memorizzando i propri dati in un ambiente virtuale, ma le tutele per tali dati non sono sufficienti

Milano, 28 ottobre 2010Mentre circa il 90% dei professionisti IT intervistati in occasione del VMworld ® 2010, ha dichiarato che le loro organizzazioni stanno memorizzando dati in un ambiente virtuale, un terzo ha invece ammesso che la propria azienda non ha aggiornato o non sa se sono stati aggiornati i piani di business continuity per far fronte a una eventuale perdita dei dati dai nuovi sistemi di archiviazione, come lo storage virtuale. Questo è quanto segnalato da Kroll Ontrack, azienda leader nell’offerta di soluzioni e servizi di recupero dati, cancellazione sicura e computer forensics

L’indagine, condotta da Kroll Ontrack in occasione del VMworld - manifestazione che si è tenuta a San Francisco dal 30 agosto al 2 settembre dedicata alla virtualizzazione e al Cloud Computing - ha analizzato come i professionisti IT stanno gestendo i dati all’interno di un ambiente virtuale. I principali risultati indicano che il 90% degli intervistati ha memorizzato i propri dati in un ambiente virtuale, di questi il 27% ha subito una perdita di informazioni in questo ambiente.

“La virtualizzazione aggiunge un ulteriore livello di complessità, e quando si verifica la perdita di dati è fondamentale recuperarli in modo corretto, poiché la quantità di dati archiviati in un ambiente virtuale è esponenzialmente superiore rispetto a quella memorizzata su un unico server fisico”, commenta Paolo Salin, Country Director di Kroll Ontrack Italia. “Gli esperti di Ontrack Data Recovery recuperano dati da centinaia di macchine virtuali in tutto il mondo. Siamo infatti in grado di aiutare il personale IT a recuperare i dati da dischi virtuali grazie alle nostre avanzate tecnologie, sviluppate internamente all’azienda, e alla nostre competenze nel recuperare file da tutti i tipi di file system”.

Alla domanda su come la propria azienda risponde alla perdita dei dati, solo il 24% ha dichiarato di fidarsi della reazione data dalla propria organizzazione. La maggioranza degli intervistati (il 71%) ha affermato che il proprio team IT gestisce tutti gli episodi di perdita dati, mentre solo l’8% chiede assistenza a una terza parte, esperta nel settore.

“In molti casi, un tentativo di recupero dati fai da te può risultare fatale e rendere irrecuperabili dati critici”, ha aggiunto Salin. “Il primo momento, successivo alla perdita dei dati,  è di particolare importanza, in quanto determina la possibilità di recuperare le informazioni perse con successo. Il miglior consiglio quindi è quello di fare un passo indietro e valutare la quantità e il valore dei dati memorizzati in un ambiente virtuale e subito dopo di contattare un esperto”.

Quasi 150 professionisti IT hanno partecipato di persona a questo sondaggio caratterizzato da questionari studiati ad hoc per acquisire la percezione che hanno gli utenti degli ambienti virtuali e non.

Grazie ai suoi prodotti e servizi, Kroll Ontrack è il fornitore più competente, esperto e tecnologicamente avanzato nel recupero dati in tutto il mondo. Utilizzando centinaia di strumenti e tecnologie proprietarie, le soluzioni Ontrack Data Recovery aiutano le aziende e i consumatori a recuperare dati persi o danneggiati da tutti i tipi di sistemi operativi e dispositivi di storage. Kroll Ontrack inoltre offre una  prima consulenza gratuita ai clienti che subiscono la perdita di dati.

Kroll Ontrack Srl

Kroll Ontrack è leader nell’offerta di soluzioni e servizi di recupero dati, cancellazione sicura dei dati e computer forensics. Attraverso l’utilizzo di moderne tecnologie, innovativi software e numerosi tool proprietari, Kroll Ontrack è in grado di affrontare casi di recupero dati da qualunque tipo di supporto, come hard disk, sistemi RAID, memory card, USB key e molti altri dispositivi. Kroll Ontrack è presente in Italia dal 2002, la sede si trova a Fenegrò (Como) dove a ottobre 2007 è stata inaugurata la camera bianca, l’unica  professionale in Italia per il recupero dei dati. Country Director  è Paolo Salin.
A livello internazionale Kroll Ontrack, con sede a Eden Prairie (Minnesota), opera in oltre 20 Paesi del mondo attraverso più di 30 uffici. Kroll Ontrack ogni anno effettua oltre 50.000 operazioni di recupero dati, offrendo ai clienti servizi di elevata qualità in 13 differenti lingue.
Le principali soluzioni software sviluppate dalla società sono: Ontrack® EasyRecovery™ (per il recupero dati), Ontrack® PowerControls™ (nelle versioni per il mailbox management in Microsoft® Exchange Server e per il  document recovery in Microsoft® SharePoint® Server), Ontrack® Eraser™ (per la cancellazione sicura dei dati). La tecnologia brevettata Ontrack® Remote Data Recovery™, inoltre, permette il recupero dei dati in remoto. Per ulteriori informazioni: www.krollontrack.it; www.ontrackdatarecovery.it 

Kroll Ontrack Inc.
Kroll Ontrack offre soluzioni e servizi all’avanguardia per assistere le organizzazioni pubbliche, le aziende private e gli utenti finali nelle attività di recupero, ricerca, analisi e presentazione dei dati. Oltre ad una gamma completa di software, Kroll Ontrack offre servizi di data recovery, cancellazione sicura dei dati, paper and electronic discovery, document review, computer forensics, secure information services, consulenza ESI (Electronically Stored Information), consulenza processuale e presentazioni per l’utilizzo in ambito legale. Kroll Ontrack è la technology service division di Kroll Inc. leader nei servizi di consulenza per la gestione dei rischi. Kroll  è una società controllata da Altegrity, fornitore leader di soluzioni informatiche. Per ulteriori informazioni sui servizi internazionali: www.krollontrack.com; www.ontrackdatarecovery.com