Go to Top

Storage in Cloud pubblico in aumento- attenzione alla perdita dati

Cloud pubblico

Lo storage in Cloud è un modello di archiviazione dati dove i dati digitali sono conservati in gruppi logici. L’archiviazione fisica viene realizzata su molteplici server e l’ambiente fisico è di solito di proprietà di una società di hosting che ne segue la gestione.

Che cosa è lo storage in Cloud pubblico?

É un modello standard di Cloud computing nel quale un service provider fornisce le risorse, come ad esempio macchine virtuali (VM) disponibili al pubblico tramite una connessione internet. Alcuni servizi di Cloud pubblico sono gratuiti, mentre altri sono a pagamento. Alcuni dei più famosi e utilizzati sono DropBox, Microsoft OneDrive e Google Drive.
I servizi di storage su cloud sono sempre più utilizzati e popolari. Ad inizio 2017 Gartner ha affermato che i servizi in cloud a livello mondiale incrementeranno del 18% questo anno. Inoltre, le strategie di implementazione Cloud influenzeranno più del 50% delle trattative di outsourcing dei servizi IT (ITO) entro il 2020.
La tabella seguente mostra le proiezioni di Gartner dei servizi pubblici di cloud fino al 2020Utilizzo Cloud

Fonte immagine: https://www.gartner.com/newsroom/id/3616417

Quali sono le ragioni del gran successo dei servizi cloud?

Vi elenchiamo alcuni dei più importanti pro e contro offerti agli utenti.

Pro

Risparmio – le aziende non devono acquistare, installare, operare e mantenere i server come dovrebbero fare con un Cloud privato. Lo sviluppo applicativo può avvenire lo stesso, ma tutto è ospitato da un Cloud provider pubblico.
Risorse sufficienti per tutti – un gran numero di utenti è in grado di condividere le risorse del provider, che grazie a questo sistema ottimizza il costo effettivo per tutti gli utenti. Molti esperti concordano che il costo di un Cloud pubblico è notevolmente inferiore di un tradizionale data center e di un sistema Cloud privato poiché non ci sono spese. Inoltre fornisce flessibilità per gli utenti, oltre al fatto che le aziende pagano solamente per l’effettivo utilizzo delle risorse in uso.

Contro

Sicurezza e Conformità: nonostante lo storage in Cloud pubblico sia molto conveniente per gli utenti, nello stesso tempo però apre un grosso interrogativo sulla sicurezza. James Staten, vice president e analista di Forrester Research, afferma che alcuni provider Cloud saranno ritenuti responsabili della sicurezza server fornendo loghi per assicurare che non ci siano violazioni. Nonostante ciò, garantire al sicurezza delle applicazioni sarà compito delle aziende produttrici. È possibile fornire servizi di Cloud pubblico da ogni angolo del mondo. Ammesso che il vostro Cloud provider possa confermare la posizione fisica dei vostri dati, la conformità con le regole in tema di protezione dati di una determinata nazione, industria e/o le tue policy aziendali sarà un’impresa quasi impossibile

Affidabilità e Disponibilità del servizio: nonostante gli aggiornamenti vengano fatti per migliorare l’affidabilità e la copertura, spesso si possono verificare delle interruzioni di servizio.
Questa problematica può generare una perdita nell’utilizzo delle tue funzioni. Nello stimare se un servizio di cloud pubblico sia la scelta
corretta per la vostra azienda, pensate se potete permettervi un prolungato periodo di downtime.

Rischio di perdita dati in un Cloud Pubblico

Dato che le aziende utilizzano sempre più spesso dei Cloud storage pubblici, il rischio di perdita dati diventa sempre più prevalente. A seguito del più grande attacco DDoS del 2013 che ha raggiunto un picco di dimensioni di 309 Gbps, nessun ambiente è più al sicuro. Le infrastrutture devono essere controllate con delle policy. Se da un lato gli storage in Cloud pubblici possono essere economici ed efficienti per tutti gli utenti, allo stesso tempo li espongono al rischio di perdita di dati. Consentendo l’accesso alle applicazioni tramite Cloud, gli utenti hanno la possibilità di lavorare in remoto. cosa succede quando questi iniziano a caricare i propri file nel Cloud? Corrono il rischio di perdere i tuoi dati.

Il settore sanitario (healthcare) è un settore che non si può permettere di perdere i dati. Un report recente di Health Information Trust Alliance (HITRUST) mostra quanto possa essere allarmante e costoso la violazione di dati in cloud per le aziende che operano in questo settore.

  • Numero totale di violazioni: 495
  • Numero di Record: 21.12 milioni
  • Costo totale: $ 4.1 miliardi
  • Costo medio: $ 8.27 Milioni
  • Tempo medio di identificazione: 84.78 giorni
  • Tempo medio di notifica: 68.31 giorni

Avete avuto esperienze di perdita dati nei sistemi Cloud? Fateci sapere quale soluzione avete adottato nei commenti sotto.

 

Copyright immagine di copertina: https://pixabay.com/en/cloud-monitor-cloud-computing-2570253/ CC0 License

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *