Go to Top

Quando utilizzare software “fai da te” per il recupero dati

Quando utilizzare software “fai da te”

Quando utilizzare software di recupero dati “ fai da te” può essere la scelta più adatta per la vostra perdita dati?

Molto spesso svolgiamo delle attività “fai da te”: cuciniamo, creiamo, rammendiamo, sappiamo utilizzare una serie di strumenti e certamente siamo tutti  un po’ esperti di tecnologia. Quindi se qualcosa si rompe spesso cerchiamo di aggiustarlo  autonomamente prima di rivolgerci ad un esperto.

Nella maggior parte dei casi riusciamo anche a  cavarcela ma in alcune occasioni i nostri interventi “fai da te” falliscono. Quando si tratta di recupero dati potreste avere solo una possibilità di recuperare le vostre informazioni quindi cosa fate: inviate il dispositivo ad un’azienda specializzata in data recovery o lasciate che sia un software “fai da te” a risolvere il problema?

La prima domanda da porsi è “Cosa è successo ai dati?”. Se la risposta è che avete effettuato una cancellazione  accidentale o  che i dati sono semplicemente scomparsi allora la soluzione software “fai da te” potrebbe essere un buon punto di partenza per il recupero. Se la risposta è che visualizzate un strano errore e che non potete più accedere ai file allora è necessario rivolgersi ai professionisti. Anche per i media  (es. laptop, hard disk, SSD, smartphone) che hanno subito un danno fisico perché sono caduti, vi è stata accidentalmente versata sopra dell’acqua, sono stati esposti a calore eccessivo, è necessario un intervento di recupero dati professionale.

In caso di danni fisici…

Se fate cadere il vostro laptop e questo inizia ad emettere rumori anomali è molto probabile che l’hard disk sia stato danneggiato dalla caduta.  Questi rumori si traducono in danni permanenti ai vostri dati. A questo punto dovete spegnere  immediatamente  il device. Per poter accedere ai vostri dati sul drive i nostri ingegneri devono avere accesso ai piatti dell’hard disk e l’unico modo per farlo è quello di aprire il disco. Questa operazione deve sempre essere effettuata in camera bianca.

Quando ricorrere a soluzioni software “fai da te” per il recupero dati

Le domande da porsi in questo caso sono “Cosa potrebbe succedere se il tentativo fatto con il software dovesse fallire?” “Ho sprecato i miei soldi per acquistare una soluzione software e ora ho ancora bisogno di inviare il device  per poter recuperare i miei dati?”

La nostra soluzione “fai da te”, Ontrack® EasyRecovery™ in versione trial vi permette di testare il software prima di acquistarlo. In questo modo potrete conoscere quali file sono recuperabili da un elenco. Se i file di vostro interesse sono presenti in questo elenco potrete decidere se effettuare l’acquisto. Se i dati che cercate non compaiono in elenco  allora è bene contattare un provider di recupero dati professionale.

Kroll Ontrack offre altre soluzioni software di data recovery “fai da te” come Ontrack® PowerControls™, utilizzato per il recupero di file da  Microsoft Exchange e Office 365, SharePoint e SQL.  Decidere se utilizzare questi software per il recupero dei dati è abbastanza semplice: potete infatti ricorrere a  questi software quando dovete effettuare il restore di file dai programmi sopra elencati. Anche in questo caso è possibile utilizzare prima una versione trial.

Qui di seguito vi riportiamo alcuni esempi specifici:

  • Restore granulare senza dover effettuare il restore di interi database
  • Supporto legacy – per la migrazione e il consolidamento dei dati in modo da poter eliminare i vecchi software/server
  • eDiscovery – ricerca, copia in modalità di sola lettura ed esportazione conservando integri tutti i metadati
  • Supporto per sistemi legacy (Exchange 5.5) fino alle versioni correnti (Office 365 & Exchange 2016).

Quando è preferibile consultare un esperto invece che utilizzare Ontrack PowerControls?

Ci sono dei casi in cui è necessario richiedere un intervento di recupero dati invece che procedere al recupero  dei file tramite software.

Il primo è il caso di corruzione o danno dei file che si vogliono ripristinare. In presenza di file corrotti o danneggiati non sareste infatti in grado di aprire o visualizzare per intero il file e avreste quindi bisogno di un intervento di assistenza da parte di professionisti per correggere questi problemi.

Il secondo è il caso di impossibilità di accedere ai tipi di file desiderati. Se non siete in grado di accedere a questi dati allora è necessario un intervento che va oltre il recupero del file. Avrete bisogno di professionisti esperti in data recovery per arrivare alla radice del problema ed essere quindi in grado di recuperare i vostri dati.

Infine, se state considerando l’ipotesi di utilizzare Ontrack PowerControls  e avete subito uno spegnimento inaspettato del server, rivolgetevi sempre ad un provider di recupero dati esperto. Si tratta per lo più di casi rari ma che devono comunque essere gestiti a dovere poiché i file potrebbero essere stati danneggiati da questo improvviso arresto. Se avete un backup recente potreste essere in grado di effettuare il restore dei file, altrimenti avrete bisogno di un intervento di data recovery.

Lo scopo questo articolo era quello di aiutarvi a chiarire quando è possibile ricorrere a soluzioni “fai da te” e quando invece è bene rivolgersi agli esperti, ci auguriamo di essere riusciti nel nostro intento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *