Go to Top

Come Kroll Ontrack ha recuperato i dati dall’hard disk dello Space Shuttle Columbia

Recupero dati Space Shuttle Columbia

L’incidente allo Space Shuttle Columbia

1 febbraio 2003, dopo 17 giorni nello spazio, lo Space Shuttle Columbia si appresta ad atterrare al Kennedy Space Center alle ore 9.16 del mattino di rientro dalla missione STS-107. Sono circa le 9 del mattino quando avviene il disastro.
La CNN trasmette in diretta il disintegrarsi della navetta sopra lo stato del Texas. All’origine della sciagura un pannello di isolamento termico che si sarebbe staccato dal Columbia circa 80 secondi dopo il decollo.

L’intervento di Kroll Ontrack

6 mesi dopo l’incidente, gli ingegneri ritrovano i detriti di un hard drive dello shuttle.
La NASA affida a questo disco a Kroll Ontrack con l’obiettivo di recuperare il maggior quantitativo possibile di dati.

La lavorazione viene affidata a John Edwards, ingegnere Kroll Ontrack di grande esperienza e  al suo team. Edwards racconta “Ho assistito a molti disastri nella mia vita. Alcuni di questi mi hanno portato a recuperare dati da apparecchiature che avevano subito le condizioni più estreme. Penso ad esempio ad allagamenti, fuoco, collisioni, ecc. Un giorno, vengo contattato dal mio supervisor e spiega che io e il mio team avremmo dovuto recuperare i dati da un hard disk parzialmente fuso dopo essere passato attraverso l’atmosfera e caduto da un’altezza di circa 60km ad una incredibile velocità. Dopo aver toccato terra il disco era rimasto per 6 mesi, così ridotto, sul terreno prima di essere ritrovato. É stato un intervento molto complesso e devo ammettere che quando ho visto il disco per la prima volta ho pensato che non fosse possibile recuperare nulla”.

Infatti, il supporto era in parte carbonizzato e rotto. Inoltre era rimasto esposto all’ambiente in cui era caduto per diversi mesi. Le guarnizioni, fortemente deteriorate dall’intenso calore generato quando il drive è entrato nell’atmosfera, erano rimaste esposte a tutti i tipi di particelle. Questo rendeva potenzialmente impossibile il recupero.

Gli ingegneri Kroll Ontrack tuttavia non hanno perso le speranze. Infatti, dopo molte ore di lavoro sono stati in grado di recuperare ben il 99% delle informazioni presenti sull’hard disk. Vediamo come è stato possibile.

Il processo di recupero dati dall’hard disk dello Space Shuttle Columbia

I piatti del disco dove erano memorizzati i dati si trovavano in condizioni sufficientemente buone. Fortunatamente, le parti che contenevano i dati raccolti (240MB su 400MB di capacità di storage del disco) erano in buone condizioni.

Inoltre, il computer della NASA faceva girare un sistema operativo, DOS, che era stato progettato per non disseminare i dati sull’intera superficie del disco (come normalmente avviene), ma al contrario, per raggrupparli in una specifica posizione. Proprio questa posizione era stata “risparmiata” dallo sporco e dallo shock.

I piatti sono stati attentamente rimossi dal disco originale, puliti e quindi posizionati in un nuovo case di hard disk per recuperare il 99% dei dati che erano stati raccolti nello spazio dall’equipaggio.

Lo scopo della missione spaziale STS-107 era quello di collezionare informazioni da esperimenti biologici. Questi risultati furono pubblicati oltre 5 anni dopo, nell’aprile del 2008, sulla rivista Physical Review E.

Copyright immagine di copertina: skeeze/pixabay.com/CC0 license

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *