Go to Top

Recupero dati dopo un blackout

Recupero dati dopo un blackout

Da quando lavoro nell’ambito del recupero dati, cerco di vedere i casi che ci arrivano in modo diverso. Quando sento di un disastro, la mia prima reazione è quella di sempre, “Spero che tutti stiano bene” e la seconda invece è “Spero che tutti i dati siano al loro posto”.

Quando si tratta di dati, continuaniamo a ripetere “Backup! Backup! Backup!”, ma nel caso di un blackout, anche il backup potrebbe venire danneggiato.

Nel caso in cui siate stati colpiti da un blackout o da un altro fenomeno che ha provocato l’interruzione della corrente, ecco alcuni consigli da seguire per aumentare le probabilità di poter recuperare con successo i vostri dati.

  1. Fate il restore del backup su un volume differente: questo permette di verificare che i file nel backup siano buoni prima di una possibile sovrascrittura sul volume attivo.

  2. Se c’è un problema RAID, verificate il backup ripristinandolo in una posizione differente o create un’immagine per ciascun drive del RAID prima di cercare di ricostruirlo.

  3. Non utilizzate software di recupero file a meno che non abbiate un backup valido e sappiate che i vostri drive non sono fisicamente danneggiati. Utilizzare software di recupero dati su un hard disk malfunzionante potrebbe distruggere i dati che invece avrebbero potuto essere recuperati.

  4. Non create nessun nuovo file sul disco che necessita il recupero oppure non utilizzate le macchine virtuali fino a quando i dati importanti non saranno stati recuperati.

  5. Chiamate un servizio professionale di recupero dati per ricevere ulteriore assistenza.

 

Tenete bene a mente che potreste avere una sola possibilità di recuperare i dati.

Ora, la mia opinione su quale sia la società che dovreste contattare è sicuramente di parte, ma voglio esservi d’aiuto e assicurarmi che riceviate un buon servizio di recupero dati.

Ecco una lista di passaggi da tenere a mente quando dovete decidere a quale azienda affidarvi.

  1. Fate attenzione a quelle società che vi fanno pagare anticipatamente per l’intero processo di recupero dati. Persino i nostri esperti ingegneri non possono dire con certezza cosa può essere recuperato fino a quando non hanno esaminato il dispositivo.

  2. Riceverete una lista dei file che si possono recuperare e utilizzare prima di pagare il servizio di recupero dei dati? Poche persone sanno che hanno la possibilità di ricevere questa lista, ma di fatto questa opzione esiste. Potete quindi sapere cosa sarete in grado di recuperare per la somma che vi hanno chiesto di pagare e quali file saranno funzionanti.

  3. Controllate e assicuratevi che le persone che contattate abbiano una reale esperienza nel recupero dei dati dai vostri dispositivi, piattaforme e sistemi operativi.

  4. Da quanto tempo opera nel settore questa azienda?
    Hanno clienti che si sono affidati a loro in più occasioni?
    Cosa pensano i clienti del loro intervento?

  5. Dovete sapere dove verranno recuperati i vostri dati. La società possiede una camera bianca professionale, numerose componenti di ricambio, strumenti hardware e software avanzati? Dove? Se hanno necessità di spedire i vostri dispositivi in altre parti del mondo, questo potrebbe aumentare il tempo di lavorazione, i costi del recupero e il rischio di smarrimento dei supporti inviati.

  6. Ogni processo di recupero dati di una certa dimensione richiede l’impiego di un certo numero di ingegneri con un notevole spazio di storage affinchè i dati possano essere recuperati. Questa società ha le risorse necessarie per completare con successo il vostro recupero?

  7. La società è in grado di offrire un servizio di recupero dati da remoto?
    Questa possibilità può risultare particolarmente utile nel caso di recupero di grossi volumi di dati o nel caso in cui, per policy aziendale, non sia consentito spostare il dispositivo al di fuori dell’azienda.

  8. Quali sono i protocolli di sicurezza che utlizza la società?

    Questi sono i vostri dati! Hanno le misure di sicurezza appropriate per tenerli al sicuro?

La decisione spetta a voi, ma ricordate che potete contattarci per qualsiasi altra informazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *