Go to Top

Recupero dati: cosa fare in caso di corruzione dei dati

corruzione

Hai mai visto una fotografia digitale corrotta oppure ti è mai capitato di non riuscire ad aprire un file in una certa applicazione perché corrotto? Non sei il solo! La corruzione dei dati è molto più frequente di quanto si possa pensare.

Fin dall’inizio dell’era dei computer – gli utenti hanno dovuto confrontarsi con il problema dei dati corrotti. La corruzione dei dati altro non è, in parole semplici, se non un’alterazione dei dati dentro a un file rispetto al loro stato originale.

Se la corruzione sia un problema serio oppure no dipende dalla valutazione che ne fa l’utente. Se non puoi utilizzare un documento di testo personale o una fotografia ha degli artefatti, la cosa potrebbe non essere degna di nota. Ma se lavori in un’azienda e migliaia di file non sono più utilizzabili allora vi potrebbe essere un problema critico da gestire.

Perciò è molto importante verificare immediatamente l’intero sistema quando ti accorgi che si è verificata una corruzione al fine di determinarne le cause e di risolverle il più rapidamente possibile.

Le cause di una corruzione dei dati

Le ragioni alla base di una corruzione di dati o di file sono varie. In molti casi i file si possono corrompere quando il dispositivo di storage diventa vecchio. Molti studi sul ciclo di vita dei tradizionali hard disk mostrano che il tasso di guasto/malfunzionamento negli ultimi due anni di vita del disco arrivano al loro picco. Il risultato di questi guasti/malfunzionamenti, dovuti a normale usura, è che durante l’operatività o anche quando il disco non è in uso, i dati cambiano rispetto al loro formato originale. I file si corrompono e non possono più essere utilizzati. Se questo accade a delle fotografie, l’immagine che ne risulta può apparire come quella utilizzata all’inizio di questo post.

Un’altra possibile ragione per la corruzione dei dati è l’improvvisa mancanza di corrente. Quando i file vengono salvati sull’hard disk o su un chip di un SSD e si verifica un’inaspettata mancanza di corrente, solo una parte del file potrebbe essere stata trasferita correttamente, il file quindi potrebbe risultare corrotto.

Negli SSD, quando il controller smette di funzionare o non comunica correttamente con il chip di memoria il risultato è lo stesso come se l’alimentazione fosse stata bruscamente interrotta: i file possono corrompersi. Anche se la corruzione non è così seria e il file si può ancora aprire, questo non significa che il contenuto sia del tutto corretto. Una conseguenza pericolosa si ha quando per esempio in un file Excel o in un database mancano dei numeri e alla fine l’intero sistema di calcolo risulta errato.

Se la corruzione dei dati è quasi inevitabile, il recupero dei dati è invece possibile.

Pensa a due comuni tipi di file che possono corrompersi: un file Word (.docx) e un file immagine come un .jpg oppure un .png. In entrambi i casi, l’utente riceve un messaggio dal programma che il file è corrotto e non può essere letto. Cosa può fare ora l’utente?

In modo semplicistico, esistono due differenti modalità di recuperare i dati corrotti: usare un software di recupero dati oppure richiedere supporto da un’azienda di recupero dati. In molti casi, quando il danno non è così severo e il software di data recovery è in grado di trovare le parti frammentate del file in altri settori del disco e di ricostruirlo, il software può risolvere il problema.

Ma il recupero fai-da-te porta con sè anche dei rischi: utilizzare tali tool, come provare con altri metodi, può rivelarsi anche un azzardo. Per questo motivo i tool o gli altri metodi andrebbero utilizzati non sul drive originale ma su di un’immagine o copia del drive. Operando in questo modo, gli esperti di recupero dati hanno ancora la possibilità di effettuare un recupero di successo in seconda battuta. Altrimenti, i tentativi potrebbero alla fine provocare più danni e distruggere i file. I file recuperati dal software non dovrebbero, inoltre, essere scritti sul volume originale fino a che non sono stati aperti e il contenuto non è stato verificato.

Gli ingegneri di recupero dati possono fare molto di più rispetto ad un software. Se vi è un problema hardware sottostante, sono in grado di “riparare” il danno e di recuperare le informazioni oppure possono “riparare” l’hdd o l’ssd fino al punto da dove i dati mancanti o corrotti possono essere recuperati.

In aggiunta, gli esperti sono anche in grado di utilizzare le copie shadow o altri frammenti di dati per ricostruire i file. Tutte queste misure e azioni – a cause di mancanza di esperienza, conoscenze, tool specializzati e camera bianca – non sono possibili per un utente medio.

Inoltre è anche improbabile che un utente tipico sia capace di determinare se un file corrotto sia recuperabile oppure no. Si tratta di un lavoro che solo un esperto può fare.

La domanda rimane: cosa può fare un utente per riavere i suoi file corrotti senza creare ulteriori danni? Qui alcuni suggerimenti.

Suggerimenti per prevenire gli effetti delle corruzioni dei dati.

Niente panico! Rimani calmo e valuta attentamente le diverse opzioni. In caso di corruzione dati suggeriamo di agire secondo procedure che includono i seguenti passi:

  • Fai un’immagine a livello di settori del drive che contiene i file corrotti. Esistono una miriade di tool gratuiti per fare questa cosa. Ora tenta il recupero fai-da-te sull’immagine invece che sul drive originale! Tieni il tuo drive originale pronto, in caso le cose non andassero per il verso giusto puoi inviarlo agli esperti di recupero dati.

  • Dopo che hai recuperato con successo i dati corrotti, puoi provare con un software di riparazione file a correggere ad esempio di file di Microsoft Office. Anche in questo caso ci sono diversi prodotti disponibili. Assicurati di decidere per un prodotto ben conosciuto e di qualità, progettato per ciò che ti serve (ma ricordati, utilizza il tool sempre sull’immagine o sulla copia del drive). Anche in caso di file di database, video, foto ci sono tool disponibili ma il risultato il più delle volte non è perfetto.

  • Non provare a utilizzare file corrotti cercando di risolvere la causa della corruzione sul drive originale. Non utilizzare i tool di riparazione del volume inclusi con l’OS (come CHKDSK o FSCK). Utilizzare i tool integrati spesso crea più danni e rende i dati non recuperabili.

  • Se nessuno di questi passaggi funziona e hai comunque bisogno dei contenuti, contatta un fornitore professionale di recupero dati.

Conclusioni

In molti casi gli specialisti di recupero dati sono capaci di recuperare le informazioni, utilizzando tool altamente specializzati e facendo ricorso alle proprie profonde conoscenze di file e sistemi di storage, per trovare una soluzione nel risolvere il problema dei dati corrotti.

Quando i dati persi sono di grande valore ed è importante poterli recuperare, allora dovresti entrare in contatto con un servizio professionale di recupero dati come quello offerto da Kroll Ontrack.

Copyright immagine di copertina: Kroll Ontrack GmbH – MOSH

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *