Go to Top

RAID 6: fate attenzione quando sostituite i drive guasti

Scambio e recupero array RAID

24 TB di dati persi dopo che due dischi guasti sono stati sostituiti nell’array RAID 6

Il cliente

Una grande azienda nel Regno Unito ha perso dati  altamente confidenziali e riservati da uno dei suoi array RAID 6 quando, dopo aver sostituito due drive che si erano guastati, il sistema non è stato in grado di effettuare il rebuild correttamente.

Lo scenario

Il cliente stava utilizzando un array RAID 6 EonStor Infortrend per gestire una serie di applicazioni aziendali e ha sostituito due dei loro drive SATA da 2 terabyte con altri dischi. Il sistema non è stato in grado di riconoscere i drive dopo questa sostituzione e di conseguenza non era più possibile accedere ai dati.  Le informazioni perse contenevano dati aziendali confidenziali e riservati.

La soluzione

Sfortunatamente il sistema RAID del cliente non si è ricostruito o riconfigurato automaticamente una volta inseriti i nuovi drive. Di conseguenza i dati mancanti  si trovavano ancora sui drive guasti  senza essere stati replicati su quelli nuovi.

L’azienda ha chiesto aiuto a Kroll Ontrack e gli ha fornito tutti i dischi tranne i due guasti. L’IT dell’azienda ha scelto Kroll Ontrack sulla base delle competenze tecniche e sulla policy di sicurezza adottata nelle attività di gestione di dati sensibili. Kroll Ontrack inoltre ha fornito un soluzione economicamente più vantaggiosa rispetto ai preventivi forniti dai competitor. I nostri esperti sono stati in grado di completare il loro intervento in un arco di tempo inferiore rispetto a quello preventivato da altre società, effettuando un’estrazione di tutti i dati entro solo due settimane rispetto alle tre/quattro settimane dei competitor.  I due nuovi  drive non contenevano i dati mancanti e non è stato possibile capire esattamente per quale motivo i drive non funzionassero correttamente o quale messaggio di errore gli utenti visualizzassero.

Nonostante questo però, attraverso l’utilizzo di apparecchiature specializzate il team di ingegneri Kroll Ontrack è stato in grado di recuperare e ricostruire dal sistema RAID tutti i 24 terabyte  di  dati mancanti.

Il fatto che il cliente utilizzava un array RAID 6 ha agevolato la risoluzione del problema dato che le informazioni perse sono state ripristinate sfruttando i dati esistenti sugli altri dischi. Ogni controller RAID utilizza algoritmi diversi e un sistema denominato parity per creare una configurazione RAID 6. Pur disponendo di strumenti capaci di supportare la stragrande maggioranza dei controller e necessari per ricostruire i due drive mancanti della configurazione RAID 6, Kroll Ontrack non possedeva i tool per i controller Infortrend. Il  team di Ricerca e Sviluppo è stato in grado di sviluppare il supporto ad hoc per questo particolare tipo di controller nell’arco di poco tempo.

Il risultato

Il cliente è stato molto soddisfatto del risultato dell’intervento di recupero sull’array RAID e del ripristino dei dati. Sono stati identificati e recuperati 24 terabyte di informazioni digitali  in quattro settimane. Nessun dato sensibile è stato compromesso e la soluzione offerta da Kroll Ontrack è stata economicamente vantaggiosa e portata a termine in breve tempo.

Non lasciare che capiti anche a te!

Per evitare che questa situazione accada anche a te, ecco una serie di consigli utili:

  • effettua backup regolari, se il  sistema dovesse guastarsi avresti a disposizione una versione aggiornata dei tuoi dati archiviati in un altro spazio

  • monitora attentamente i sistemi hardware per ogni tipo di guasto in modo che tu possa individuare il problema sin dall’inizio

  • utilizza l’hardware per il ciclo di vita segnalato dai produttori sostituendo i dispositivi dopo il periodo di tempo raccomandato per evitare qualsiasi guasto. Gli hard disk tradizionali lavorano 24 ore su 24, 7 giorni su 7, 365 giorni l’anno quindi dopo pochi anni le probabilità che si verifichi un guasto aumentano. Prova ad utilizzare uno strumento SMART per monitorare lo stato di salute del tuo hard disk, come ad esempio Ontrack EasyRecovery.

Immagine tratta da   www.flickr.com: Storage,  Billie Ward,   licenza CC BY 2.0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *