Go to Top

Verso la fine del supporto per SQL Server 2005

Fine del supporto a SQL Server 2005

Dopo un decennio dal suo ingresso sul mercato il supporto per tutte le versioni SQL Server 2005 terminerà ufficialmente il prossimo 12 Aprile. Sebbene il supporto mainstream per SQL Server 2005 sia terminato nel 2011, l’anno scorso Microsoft ha dato nuovamente la notizia per informare le aziende e offrire loro il tempo necessario per portare a termine i piani di migrazione.

Se non hai ancora effettuato l’upgrade a SQL 2014 o ad Azure quale significato avrà il termine del supporto per SQL Server 2005? Come successo per  il termine del supporto a Windows Server 2003 a luglio dello scorso anno, le istanze continueranno a funzionare ma Microsoft non fornirà più assistenza in caso di malfunzionamento o aggiornamenti alla sicurezza. Gli utenti di SQL Server 2005 che utilizzano database su Windows Server 2003 dovrebbero rendere gli upgrade una priorità dell’IT.

La spinta di Microsoft per fare in modo che i clienti effettuino l’upgrade a SQL 2014 o Azure SQL Database consente alle aziende non solo di rimanere conformi alle richieste normative e di mitigare i possibili rischi futuri alla sicurezza dei dati ma anche di offrire loro la possibilità di migliorare le proprie performance. Le prestazioni di  SQL Server 2014 sono 13 volte maggiori rispetto a quelle di SQL Server 2005.

Tuttavia con migrazioni e upgrade è necessario effettuare un’analisi dei costi/ benefici. Uno studio condotto da Forrester nel 2014 commissionato da Microsoft e focalizzato sull’impatto economico complessivo dell’implementazione di SQL Server ha mostrato come le aziende in meno di 10 mesi avessero raggiunto un ROI del 113%oltre ai miglioramenti  riscontrati nell’IT e alla riduzione degli errori nelle applicazioni dati. Un buon risultato anche se i costi iniziali sono stati superiori ai 4 milioni di dollari, una spesa non poco indifferente per determinate aziende.

Ci sono dei tool che vi aiutano a valutare le condizioni  della vostra infrastruttura come ad esempio il toolkit di Assesment and Planning di Microsoft o un pacchetto di valutazione di SQL Server 2014 di sei mesi o la possibilità di utilizzare Azure in versione trial per un mese.

Per assicurarvi di essere adeguatamente informati controllate sul sito di Microsoft la lista dei prodotti il cui supporto terminerà nei primi sei mesi e negli nella seconda metà del 2016.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *