Go to Top

Cosa fare in caso di perdita di bitcoin causata da un guasto hardware?

Le cosiddette criptovalute, e in particolare i bitcoin, sono in tutti i notiziari. L’enorme aumento di oltre il 1000% in valore negli ultimi 12 mesi e il declino pari al 50% registrato nelle ultime 3 settimane hanno fatto notizia in tutto il mondo. Molti funzionari governativi sia nel mondo occidentale che in Asia sono preoccupati e mettono in guardia i privati affinché non partecipino alla “corsa all’oro” che riguarda i bitcoin. Tuttavia, nonostante queste preoccupazioni e l’attuale declino in termini di valore, chiunque abbia acquistato o ottenuto i bitcoin un paio di anni fa, si è notevolmente arricchito!!!

Questo è il motivo per cui molti vecchi e nuovi possessori, che volevano spingere la tecnologia blockchain diversi anni fa e che si sono dimenticati di avere dei bitcoin, ora cercano di recuperare il proprio “denaro”. Inoltre, sono stati registrati molti episodi sfortunati per gli utenti di computer, che hanno portato a una perdita di bitcoin, come per esempio guasti dei dischi rigidi, dispositivi bruciati, problemi ai controller, problemi di crittografia e molti altri ancora.  Mentre in passato si trattava semplicemente di perdere pochi spiccioli, sufficienti per comprare un cheeseburger, ora si parla di importanti quantità di denaro.

Un caso interessante, che non è stato ripreso dai media come avrebbe dovuto, si è verificato l’anno scorso nel mese di agosto. Questo ha dimostrato chiaramente che avere un backup funzionale è, per i possessori di bitcoin, ancora più importante di quanto non sia già necessario per tutti gli utenti di computer in relazione ai loro normali dati digitali.

In un post molto interessante pubblicato su reddit.com nella sezione speciale dedicata ai bitcoin, un utente ha illustrato nei dettagli il supplizio che ha dovuto sopportare: la casa della madre è bruciata completamente e il suo computer era all’interno. Nonostante sia riuscito ad afferrare la chiave USB con il backup del portafoglio di bitcoin, il dispositivo USB è risultato molto danneggiato dal fuoco, così come il computer con il disco SSD integrato. Nel suo post ha affermato che il portafoglio di bitcoin salvato sul computer conteneva 17 BTC. Al momento della perdita i bitcoin valevano quasi 50.000 $. Ora hanno un valore anche più elevato: circa 175.000 $. Dato che lui e sua madre hanno subito delle importanti perdite finanziarie, ha cercato aiuto su come recuperare i suoi bitcoin.

Tuttavia, ha fatto un enorme errore: tutti i backup del suo portafoglio di bitcoin erano archiviati nella casa che è andata a fuoco, accanto al computer distrutto, pertanto tutte le copie sono state intaccate dal fuoco. Inoltre, uno dei backup del portafoglio di bitcoin era cartaceo (che è normalmente una buona idea, ma non quando lo archivi in un ambiente non ignifugo). Ovviamente il foglio è bruciato immediatamente quando si sono sviluppate le fiamme.

Tuttavia, il post su reddit non ha alla fine chiarito se questa persona è riuscita a recuperare i suoi bitcoin. Comunque, non è sicuramente l’unico, ma è certamente un episodio singolare di “perdita” dei bitcoin. La rottura dei dischi rigidi o la cancellazione non intenzionale del portafoglio accadono ovviamente abbastanza spesso.

In questi casi e quando il fuoco danneggia il dispositivo di storage, gli esperti di Ontrack sono in grado di recuperare con successo i dati digitali come i bitcoin. In più di 20 anni gli esperti sono stati in grado di recuperare i dati da molti dispositivi storage pesantemente danneggiati dal fuoco. Tra questi i dati speciali provenienti dai rottami dello US Space Shuttle Columbia e molti altri.

Inoltre, gli esperti di data recovery altamente qualificati sono in grado di recuperare dati da hard disk che sono stati danneggiati dall’acqua, hanno subito una distruzione meccanica e guasti elettronici.

Pertanto, in caso di una perdita di bitcoin dovuta a problemi hardware la cosa migliore da fare è quella di contattare immediatamente un fornitore di servizi di recupero dati. In molti casi i tecnici possono recuperare il portafoglio come recupererebbero normalmente qualsiasi altro file sensibile.

C’è tuttavia un’importante informazione che essi non possono recuperare: si tratta della password lunga 12 o 17 parole che protegge e cripta il portafoglio. Almeno questo pezzo di carta dovrebbe essere conservato in un luogo sicuro, come la cassaforte di una banca. Senza questa password né voi né alcun esperto di recupero dati al mondo sarà in grado di accedere al portafoglio né agli indirizzi bitcoin e alla chiave privata.

 

Copyright immagine di copertina: Tim Reckmann / pixelio.de
https://www.pixelio.de/media/750101

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *