Go to Top

Come recuperare i dati da una chiavetta USB danneggiata?

come recuperare i dati da chiavetta usb

Le chiavette USB sono delle memorie di massa portatili di piccole dimensioni, utilizzate normalmente per il trasferimento dei dati da un dispositivo elettronico ad un altro oppure per portare con sé, in poco spazio, dati di  interesse.

I file e i dati vengono salvati nella memoria flash che può avere dimensioni differenti a seconda delle memorie impiegate. Generalmente le pen drive hanno memorie che variano dai 4GB ai 32GB e ancora dai 64GB ai 128GB e possono quindi contenere facilmente video, musica, album fotografici, documenti a molto altro ancora. Essendo dei dispositivi molto piccoli e comodi da trasportare, sono soggetti spesso a urti esterni e possono danneggiarsi o rovinarsi.

Per capire come recuperare i dati di una chiavetta USB danneggiata è opportuno capire quale sia il vero problema del malfunzionamento.

Chiavetta USB danneggiata: tipologie di guasto e metodi di recupero dati

Generalmente le chiavette USB possono danneggiarsi in due modi:

  1. danneggiamento del connettore e/o della scocca esterna
  2. danneggiamento delle parti elettroniche che la compongono

Nel primo caso, il meno grave, è possibile recuperare i dati della chiavetta USB danneggiata con un intervento sul connettore facendo attenzione a non rovinare i chip interni e la memoria flash che compongono la pen drive.

Se il problema poi è solo di scocca che può creparsi e danneggiarsi senza intaccare il contenuto interno, in quel caso la chiavetta USB potrà sembrare rotta, ma sarà funzionante. Dovrete solo preoccuparvi di trasferire i dati sul computer e ricopiarli su un dispositivo nuovo ed integro.

Naturalmente è opportuno prestare attenzione al trasporto e alla conservazione del dispositivo di archiviazione stesso. Evitate quindi di tenere la chiavetta USB in tasca, a contatto con chiavi o monete, e evitate che si bagni o che rimanga a contatto con fonti di calore.

Il danneggiamento dei dispositivi elettronici della chiavetta USB invece è più grave poiché gli elementi che la compongono, come i chip di memoria flash, possono essersi rotti, bruciati o aver subito un danno di natura elettrica.

Se vi accorgete che la vostra memoria portatile non funziona più sul vostro computer è consigliabile provarla su altri dispositivi, in modo da essere certi che il malfunzionamento non sia legato a un problema di compatibilità.

Se il problema persiste è opportuno non toccare la chiavetta USB, tentare di aprirla, o forzarla: un dispositivo aperto o danneggiato da mani non esperte potrebbe compromettere del tutto le possibilità di recupero dei dati.

Affidatevi a dei professionisti che grazie a specifiche competenze e avanzati strumenti hardware e software, sono in grado di intervenire sul dispositivo e sanno come recuperare i dati da una chiavetta USB danneggiata.

Il recupero dati è un’attività complessa, difficile e tecnica che ha bisogno di team di esperti specializzati, in grado di individuare il problema e proporre una soluzione di recupero sicura ed efficace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *