Go to Top

Backup: non sempre basta per toglierci dai guai

Giornata Mondiale del Backup 2015

In occasione della Giornata Mondiale del Backup 2015 abbiamo chiesto per la terza volta ai nostri clienti di rispondere ad alcune domande sulle loro pratiche di backup. Eravamo curiosi di sapere se i risultati di quest’anno fossero diversi rispetto a quelli degli anni precedenti e se le modalità di backup fossero diventate più sicure.

I risultati per il 2015 mostrano ancora che il backup da solo non è sufficiente per la sicurezza dei dati. Ciò che è importante evidenziare è che se non vengono seguite determinate linee guida potreste comunque rischiare di perdere i dati.

La nostra indagine, effettuata nel mese di febbario tra circa 850 clienti in tutto il mondo, mostra chiaramente che quasi i tre quarti degli intervistati ha effettuato il backup dei propri dati, a cadenza giornaleria o almeno settimanale. Nonostante questo, però, due terzi di loro ha subito una perdita di dati. Le ragioni dietro a questo incidente sono molte: nel 21% dei casi il backup non ha funzionato correttamente o gli intervistati non avevano incluso il dispositivo nella procedura di backup. In un quinto dei casi – 19%- il backup non era stato aggiornato di recente.

Questi risultati sono in linea con quelli delle indagini negli anni precedenti: nel 2014 e nel 2013 sono stati rispettivamente il 59% e il 60% degli intervistati ad affermare che sebbene avessero adottato soluzioni di backup hanno perso i loro dati e utilizzato i servizi offerti da Kroll Ontrack.

I nostri consigli

Dato che i risultati di quest’anno non si discostano molto da quelli del 2014, in occasione della Giornata Mondiale del Backup vi raccomandiamo di non fare affidamento esclusivamente sui backup di dati già esistenti e di:

  • incorporare i backup – soprattutto in ambiente business –all’interno di una strategia di sicurezza dei dati;
  • controllare regolarmente i backup per verificarne funzionalità ed eventuali errori;
  • programmare i backup a determinati intervalli;
  • impostare una procedura di backup su tutti i dispositivi e i media e…
  • infine, definire cosa fare in caso di problemi e individuare un partner con esperienza in ambito di recupero dati.

Con queste misure, i rischi di perdita di dati non possono essere completamente annullati poichè i danni fisici ai dispositivi maggiormente utilizzati come gli hard disk possono sempre accadere. In questo modo però si possono correggere gli errori che prima non erano state individuati.

Ulteriori dettagli sui risultati dell’indagine sono disponibili sul sito Kroll Ontrack nell’area stampa

È possibile visualizzare l’infografica qui

Maggiori informazioni sulla Giornata Mondiale del Backup sono disponibili al seguente link: http://www.worldbackupday.com/it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *