Go to Top

5 considerazioni se state ancora utilizzando Windows Server 2003

Supporto windows server 2003

Microsoft ha terminato il supporto a Windows Server 2003

È difficile non aver notato, lo scorso 14 luglio 2015, la pubblicazione di una notizia che ha segnato la fine definitiva del popolare sistema operativo Microsoft Windows Server 2003. D’ora poi, Microsoft non offrirà più supporto, manutenzione o patch di sicurezza per i computer che utilizzano la versione server 2003. Ciò espone le aziende che utilizzano questo sistema operativo a rischi in termini di mancanza di protezione rispetto a eventuali bug del software e di vulnerabilità nella sicurezza.

Stop al supporto a Windows Server 2003: cosa fare

A poche settimane dalla scadenza ormai trascorsa, quali sono le considerazioni e come muoversi?

1. Non farsi prendere dal panico

Come avrete notato, la fine del supporto per Windows Server 2003 non ha significato guasti o malfunzionamenti dei server che utilizzano questo sistema operativo. Tutto dovrebbe infatti continuare a funzionare normalmente, dandovi il tempo per finalizzare i vostri piani di migrazione e trasferire dati, servizi e ruoli su una nuova macchina.

Potreste anche usare questo periodo per richiedere l’assistenza di uno specialista in migrazione di terze parti, in modo da rendere la transizione il più agevole possibile.

2. Il supporto a Windows Server 2003 può essere acquistato

Nonostante il supporto ufficiale sia terminato lo scorso 14 luglio, Microsoft in realtà continua a fornire aggiornamenti hotfix e manutenzione per i server 2003 a tempo indeterminato, a specifiche condizioni:

  • richiedere un contratto speciale di assistenza per ogni server Windows 2003

  • accettare che per ogni richiesta di supporto Microsoft potrebbe richiedere un pagamento

  • essere in grado di investire una somma di denaro anche molto alta per il contratto – la US Navy, ad esempio, ha appena pagato 9 milioni di dollari per ricevere supporto ai loro dispositivi Windows XP

Quindi se davvero non potete fare a meno di Windows Server 2003, potreste essere ancora in tempo per acquistare l’assistenza.

3. Considerate il supporto e la manutenzione di terze parti

La maggior parte dei partner Microsoft non saranno disposti a fornire supporto alla vostra macchina Windows Server 2003 più del tempo necessario a migrare verso un moderno Windows Server 2012. Ma questo tipo di assistenza temporanea potrebbe rivelarsi preziosa per finalizzare i vostri piani di upgrade.

Potreste inoltre trovare partner non affiliati a Microsoft disposti a fornire servizi di supporto a tempo indeterminato a costi inferiori rispetto ai prezzi di Microsoft. Fate però attenzione – i fornitori di terze parti non sono ovviamente in grado di sviluppare hotfix o le patch per eventuali bug e vulnerabilità del sistema operativo Windows, perché non hanno accesso al codice sorgente. Questo è il rischio che si corre quando si decide di utilizzare un’opzione diversa rispetto al supporto diretto di Microsoft.

4. Tenete a portata di mano gli strumenti per la protezione dei dati

Se non avete già effettuato una migrazione a una versione più recente del sistema operativo e state programmando con attenzione un upgrade nei prossimi mesi, ricordate che la protezione dei vostri dati è fondamentale.

Assicuratevi che i processi di backup esistenti siano mantenuti e considerate la possibilità di eseguire ogni giorno un test di restore di alcuni dati dal media di backup per verificare di essere realmente in grado di recuperare le informazioni dal server in caso di eventuali problemi.

Dovreste inoltre pensare di tenere a portata di mano alcuni strumenti di recupero dati in caso di emergenza.

5. Non date per scontato che tutto vada bene

Potreste riuscire a mantenere in vita il vostro Windows Server 2003 per molte settimane, mesi o persino anni dopo il 14 luglio 2015 – questo tuttavia non significa che l’upgrade del sistema operativo sia solo una fonte di profitto per Microsoft. La realtà è diversa e ci mostra che i progressi tecnologici rendono non conveniente, per fornitori di software, offrire un supporto perpetuo a tutte le versioni dei loro prodotti. Allo stesso modo i clienti grazie a nuove versioni possono beneficiare di nuove funzioni che consentono di diventare più efficienti, di ridurre i costi e creare nuovi vantaggi competitivi.

È importante anche tenere a mente che ogni nuova vulnerabilità di sicurezza o exploit scoperti dopo il termine del supporto, fissato lo scorso 14 luglio 2015, non saranno probabilmente risolti da Microsoft. Questo significa che potrebbe esserci un serio rischio di perdita, furto o corruzione dei dati nel caso in cui degli hacker dovessero decidere di attaccare il vostro server. In pratica, potreste non rendervi conto della reale entità del problema se non quando è troppo tardi.

Seppur con una limitata rosa di possibilità, la vostra azienda ha ancora a disposizione alcune opzioni per gestire i server legacy Windows Server 2003 anche se nella realtà dei fatti sarà necessario eseguire la migrazione o l’upgrade  al più presto possibile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *